Domande da mamme

Come curo la dermatite da pannolino?

La dermatite da pannolino è un’infiammazione della pelle, spesso dovuta all’umidità che si crea. È importante quindi cambiare il pannolino spesso in modo che il bambino sia più pulito e asciutto possibile. Quando si fa il cambio è bene sciacquare solo con acqua e quando è necessario usare un detergente delicato, senza profumi o saponi, evitando l’uso delle salviette detergenti; asciugare tamponando con un panno di cotone e lasciare il pannolino un po’ più largo per cercare di far circolare l’aria. Molto utile mettere anche un velo di crema lenitiva e protettiva, a base di sostanze come calendula, ossido di zinco, acqua termale, ecc.
È utilissimo lasciare il bimbo senza pannolino il più possibile, approfittando della stagione estiva.


Cosa devo usare per togliere i pidocchi?

Se ci accorgiamo che il nostro bambino ha i pidocchi è importante fare il prima possibile un trattamento specifico che li andrà ad uccidere (magari preferendo uno di quelli che agiscono per soffocamento); appena dopo il trattamento è utile lavare i capelli con uno shampoo a base di aceto che aiuti a scollare le lendini dai capelli, per andarle poi a rimuovere pettinandoli con un apposito pettinino. Nel caso di una lunga chioma si possono piastrare i capelli in modo da uccidere col calore le lendini rimaste.
Il trattamento va ripetuto a distanza di circa 7-10 giorni, poiché le lendini potrebbero dar vita a nuovi pidocchi.
È buona abitudine controllare spesso i bambini dietro le orecchie e sulla nuca poiché sono le aree dove i pidocchi tendono ad insediarsi più facilmente; inoltre mettere su queste zone un paio di gocce di olio essenziale di lavanda o teatree ha effetto preventivo.


Come faccio i lavaggi al naso?

I lavaggi nasali sono utili per detergere e allontanare dalle cavità nasali muco, allergeni, polveri e patogeni di adulti, bambini e neonati.
Quest’operazione risulta essere però molto importante nei neonati in quanto, nei primi mesi di vita, questi respirano esclusivamente attraverso il naso.

I lavaggi nasali possono essere eseguiti tramite diversi dispositivi: con una siringa senz’ago che contenga almeno 5/10 ml di soluzione fisiologica oppure con dei dispositivi pronti all’uso come flacconcini di soluzione fisiologica , isotonica o ipertonica, acque termali, acqua di Sirmione, spray nasali o rinowash.

L’operazione è semplice:

  1. Stendere il bambino sul fasciatoio o sul letto ed inclinare leggermente la testa da un lato
  2. Introdurre nella narice superiore il dispositivo (facconcino, siringa o spray) e spruzzare la soluzione. La soluzione uscirà solitamente dalla narice opposta, trascinando con se la secrezione.
  3. Mettere il bambino pancia in giù qualche secondo e lasciar sgocciolare il naso dai residui della soluzione per il lavaggio.
  4. Ripetere dall’altro lato.

Se il bambino è molto piccolo può rendersi necessario l’utilizzo di un aspiratore nasale per aiutare a rimuovere il muco o le secrezioni che non sono state allontanate con il lavaggio